La storia

Montefalcione è un paese collinare in provincia di Avellino, collocato a circa 560 m sul livello del mare. Montefalcione negli scritti longobardi era detto Montefalsone Oppidum, al tempo dei Normanni Montefalzone, sotto gli Angioini Montefaucione, poi sotto il dominio dei Puderico e dei Tocco fu chiamato Montefalcione e Monte Falcione. Lo stemma di Montefalcione è rappresentato da un falcione che sovrasta 3 colline probabilmente quella del Castello, S. Marco e Santa Marina, che sono i 3 rilievi dell’agro montefalcionese. Il falcione invece è stato scelto come simbolo di lavoro e di civiltà contadina. Le origini di Montefalcione risalgono a molti secoli prima dell’Era Cristiana, ciò è confermato da documenti e testimonianze che affermano il succedersi delle dominazioni di Etruschi, Sanniti e Romani. Il ritrovamento di tombe e di vasi di notevole importanza testimoniano che fin dal 1100 a.c. Montefalcione era assoggettato dagli Etruschi, i quali ebbero il dominio della Campania e delle regioni meridionali finché i greci e i sanniti non li cacciarono. A confermare il dominio etrusco fu il ritrovamento , nel 1902, di due tombe etrusche, in esse furono ritrovate una moneta di rame etrusca e uno dei più bei vasi lacrimatoi etruschi.Dopo la dominazione etrusca seguì quella dei sanniti, di cui però non è rimasta alcuna traccia. Tale dominazione terminò nell’82 a.c. quando i sanniti furono domati dai romani.Il ritrovamento di reperti archeologici, come le monete del periodo di Costantino, ruderi di costruzioni romane, tombe romane ed iscrizioni sparse per tutto il territorio di Montefalcione, testimoniano la presenza dei romani. Questa dominazione durò fino all’inizio del Medioevo, quando Montefalcione era un insieme di frazioni e casali sparsi sui fianchi delle colline di Santa Marina, S. Marco, Fortuna, Rogliano e Villani S. Pietro.Molte di queste terre però furono abbandonate dagli abitanti perché erano di facile accesso al nemico. Dopo molti anni di completo abbandono il paese passò sotto la dominazione longobarda.Montefalcione entrò a far parte del Ducato di Benevento costituito nel 570 e i Longobardi, per difendere il territorio e creare un rifugio sicuro per i montefalcionesi, fecero costruire un castello sulla collina più alta del paese.